FTSE Mib, fondamentale chiusura sopra 21.165 punti. Ferrari, correzione in atto sotto quota 80 euro

Scritto il alle 10:26 da redazione [email protected]

Immagine anteprima YouTubePiazza Affari ancora incerta. Il passo falso di ieri in direzione dei supporti a 20.730 punti è stato riassorbito in apertura. Al momento l’indice FTSE Mib veleggia a ridosso dei 21mila punti, livello chiave per la chiusura della settimana. Solo una chiusura di seduta sopra tale livello infatti potrebbe generare un segnale di forza che verrebbe confermato poi con spunti sopra i 21.165 punti la prossima settimana.

Da monitorare il titolo Ynap (Yoox net-a-porter) scivolato sotto i 24 euro dopo il veloce spunto delle sedute precedenti che ha portato al confronto con le resistenze a 24,50 euro. Corregge anche Ferrari: titolo sotto gli 80 euro dopo aver aggiornato i record storici la scorsa settimana. Il movimento non dovrebbe alterare lo scenario tecnico fintanto che il prezzo si manterrà sopra i supporti a 75,50 euro. All’interno di quest’area opportunità di acquisto con target a 83 e 84 euro.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Nessun commento Commenta

Piazza Affari accelera la dinamica ribassista in atto, complice la mancata tenuta dei precedenti sup
Lo abbiamo precisato in tutte le salse, la nostra Araba Fenice era il principale indice tedesco,
Profondo rosso. Di sedute ben peggiori nella storia, a Wall Street, ne ho viste tante, ci manche
Il dibattito sulle pensioni non accenna a placarsi neppure ad agosto. Meglio, così ognuno al riparo
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
In passato ho più volte parlato di come, direttamente o indirettamente, la politica monetaria e
Finalmente una buona notizia per il nostro Paese anche se questa tenera rondine non fa primavera
Piazza Affari ha sfruttato la seduta di ieri, caratterizzata da un clima di risk off, per completare
Analisi Tecnica Come vi dicevo e .... "tutto il contrario di tutto".... Ecco far un harami rialzis
9 agosto 2007. Una data come tante, ma che per il mondo della finanza dell’Eurozona resterà