Generali vola oltre resistenze a 15,50 euro. Eur/gbp, possibile pressione su resistenze a 0,90

Scritto il alle 10:32 da redazione [email protected]

Immagine anteprima YouTubeLa stagione delle trimestrali è entrata più che mai nel vivo a Piazza Affari. Il FTSE Mib ieri ha chiuso sopra quota 21.600 punti, generando un segnale tecnico positivo per la prosecuzione dell’uptrend di medio e lungo periodo. Prossimo livello operativo chiave si trova in corrispondenza dei massimi relativi del 27 luglio scorso in area 21.680 punti.

Migliora il quadro tecnico di Generali Assicurazioni. Il titolo questa mattina ha aperto sopra le resistenze statiche e psicologiche a 15,45 e 15,50 euro. Ora non dovrebbero essere troppi ostacoli tecnici sulla via che porta a quota 16 euro.

In attesa del meeting della Boe di domani facciamo il punto sul cambio euro/sterlina. Il crosso potrebbe mettere sotto pressione le resistenze a 0,90. Un eventuale breakout di questo livello, confermato in chiusura, potrebbe proiettare le quotazioni verso i prossimi target a 0,92 e 0,93.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Nessun commento Commenta

Piazza Affari accelera la dinamica ribassista in atto, complice la mancata tenuta dei precedenti sup
Lo abbiamo precisato in tutte le salse, la nostra Araba Fenice era il principale indice tedesco,
Profondo rosso. Di sedute ben peggiori nella storia, a Wall Street, ne ho viste tante, ci manche
Il dibattito sulle pensioni non accenna a placarsi neppure ad agosto. Meglio, così ognuno al riparo
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
In passato ho più volte parlato di come, direttamente o indirettamente, la politica monetaria e
Finalmente una buona notizia per il nostro Paese anche se questa tenera rondine non fa primavera
Piazza Affari ha sfruttato la seduta di ieri, caratterizzata da un clima di risk off, per completare
Analisi Tecnica Come vi dicevo e .... "tutto il contrario di tutto".... Ecco far un harami rialzis
9 agosto 2007. Una data come tante, ma che per il mondo della finanza dell’Eurozona resterà