Generali: titolo bene impostato su breakout 16 euro. Banco Bpm, nel mirino 3,50 euro

Scritto il alle 10:28 da redazione [email protected]

Immagine anteprima YouTubePiazza Affari si mantiene sul filo dei 22mila punti dopo i segnali rialzisti disegnati nel mese di luglio. La rottura delle resistenze a 21.570 e 21.730 punti ha confermato la ripresa del trend rialzista da parte del mercato italiano, che ora potrebbe ripartire in vista dei nuovi target collocati fra 21.448 e 21.500 punti.

Fra i titoli più in salute segnaliamo Banco Bpm e Generali Assicurazioni. Il titolo BAMI ha messo ha segno uno spunto rialzista lasciandosi alle spalle i target precedenti a 3 e 3,10 euro. Rimane inquadrato l’obiettivo di medio termine a 3,50 euro, dopo un’opportuna fase di scarico fra i 3,27 e 3,30 euro, finalizzata a chiudere il gap up lasciato aperto ieri.

Generali consolida il breakout del livello 16 euro. Il titolo è inquadrato in un solido canale scendente in costruzione da inizio giugno e al momento procede spedito dopo i segnali long generati il mese scorso.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Nessun commento Commenta

Piazza Affari accelera la dinamica ribassista in atto, complice la mancata tenuta dei precedenti sup
Lo abbiamo precisato in tutte le salse, la nostra Araba Fenice era il principale indice tedesco,
Profondo rosso. Di sedute ben peggiori nella storia, a Wall Street, ne ho viste tante, ci manche
Il dibattito sulle pensioni non accenna a placarsi neppure ad agosto. Meglio, così ognuno al riparo
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
In passato ho più volte parlato di come, direttamente o indirettamente, la politica monetaria e
Finalmente una buona notizia per il nostro Paese anche se questa tenera rondine non fa primavera
Piazza Affari ha sfruttato la seduta di ieri, caratterizzata da un clima di risk off, per completare
Analisi Tecnica Come vi dicevo e .... "tutto il contrario di tutto".... Ecco far un harami rialzis
9 agosto 2007. Una data come tante, ma che per il mondo della finanza dell’Eurozona resterà