Ftse Mib alla ricerca di direzione. Buzzi Unicem, verso il pull-back

Apertura positiva stamane per l’indice Ftse Mibche rimane costretto, tuttavia, in un ristretto campo di gioco. Delimitato al rialzo dalla linea di tendenza ribassista discendente dai massimi dell’8 e 16 agosto, transitante a 21.916 punti e al ribasso dalla linea di tendenza rialzista attualmente a 21.716. Sarà la rottura, al rialzo o al ribasso, di una delle due soglie dinamiche a dare direzionalità all’indice delle blue chip di Piazza Affari.

Per Buzzi Unicem apertura al rialzo che avvicina il titolo al pull-back della resistenza statica di quota 21,20 euro, rotta al ribasso lo scorso 29 agosto e che, in precedenza, aveva funzionato da supporto nei primi sette mesi dell’anno. Solo il recupero di quest’area, confermata in chiusura di seduta e dove si trova a transitare anche la linea di tendenza ribassista discendente dai massimi dell’8 maggio e del 10 luglio, potrebbe rriequilibrare il quadro grafico del titolo.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 7.0/10 (1 vote cast)
Ftse Mib alla ricerca di direzione. Buzzi Unicem, verso il pull-back, 7.0 out of 10 based on 1 rating
Nessun commento Commenta

Mancano ancora dei segnali importanti ma guardando i grafici intermarket sembra proprio che ci s
Da Montalbano ai Cesaroni, da Don Matteo a Rocco Schiavone, quanto costano le case nell’Italia
In molti si sono chiesti in questi giorni: “ma come è possibile far salire i tassi di interes
Ftse Mib: dopo la rottura di ieri dei 22.500 punti l'indice tricolore oggi intende recuperare tale l
Due sono i temi che appassionano da sempre e che hanno impatti mediatici oscillanti a seconda del co
sho Italia, la principessa sullo spread, questo probabilmente sarà il titolo del mio prossimo li
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Et voilà. Intermarket docet. Ne ho parlato copiosamente nei giorni scorsi e soprattutto nel vi
Ftse Mib: il Ftse Mib apre debole oggi e si mantiene ancora sul supporto statico dei 22.500 punti. N
Alla fine avevano ragione loro, Galbraith e Friedman le banche centrali servono a poco o a nulla