Piazza Affari: inizio di anno contrastato ma FTSE Mib mantiene i supporti a 21.830 punti

Scritto il alle 10:35 da redazione [email protected]

La prima seduta dell’anno si è conclusa in maniera negativa per Piazza Affari. Dal punto di vista tecnico sul FTSE Mib pesa la candela ribassista del 29 dicembre scorso, con la quale le quotazioni hanno violato il supporto psicologico a 22mila punti. Per l’operatività odierna da monitorare i supporti di breve a 21.830 punti, sotto i quali lo scenario potrebbe virare in negativo con primi obiettivi stimati a 21.600 punti.

Titoli sotto la lente. Seduta molto volatile ieri per FCA che ha aggiornato nuovi minimi intraday da inizio dicembre. Il supporto chiave attualmente è stimato a 15 euro, livello che tuttavia ieri ha mostrato capacità di contenimento. Stesso discorso per Banco BPM, con il supporto a 2,60 euro che ieri ha arginato le spinte ribassiste e potrebbe anche agevolare una reazione in direzione 2,80 euro.

Immagine anteprima YouTube

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
Piazza Affari: inizio di anno contrastato ma FTSE Mib mantiene i supporti a 21.830 punti, 10.0 out of 10 based on 1 rating
Nessun commento Commenta

Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Ci vuole davvero una sana dose di autocontrollo da parte mia in questa immensa crisi antropologi
Ftse Mib: apre in gap up l'indicie italiano che riprende di mira i 22.500 punti, primo livello di re
Il governo Monti ( 2011/12) e in una breve parentesi il governo Letta (aprile 2013/febbraio 2014), h
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Concerti segreti, mostre di artisti emergenti, presentazioni di libri e chef, pranzi e cene con sc
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Mera statistica. Prendiamo la somma di azionario e obbligazioni corporate, rapportate al PIL.
Ftse Mib: le tensioni tra USA e CINA sono entrate in una spirale negativa di botta e risposta che no
  Il protezionismo torna ad essere l’assoluto protagonista del momento. Il timore di nuovi