FTSE Mib: mette pressione a quota 22.830 punti

Scritto il alle 10:26 da redazione [email protected]

Ftse Mib: l’indice italiano ha aperto al rialzo cercando la rottura dell’importante resistenza statica dei 22.830 punti, livello da cui però i prezzi sono stati, almeno momentaneamente, respinti. Il Ftse Mib, dopo l’hammer disegnato il 2 gennaio, ha infatti salvaguardato l’indice da ulteriori cali sotto i 22.000 punti, ritornando al di sopra di questo importante livello. Vedremo se i corsi avranno la forza di proseguire al rialzo tornando sui massimi Ytd a 23.133 punti, oppure torneranno verso quota 22.000 punti, rientrando di fatto nella fase di trading range.

Dax: Il Dax oggi, dopo un’apertura in gap up e massimo a 13.407 punti, ha invertito direzione. L’indice viene però da una forte corsa intrapresa la scorsa settimana, dopo la falsa rottura dei 12.850 punti, supporto molto importante per il listino tedesco. Vedremo se l’indice avrà la forza di recuperare i massimi a 13.500 punti o invertirà direzione per cercare sostegno in area 13.315 punti o a 13.206 punti.

Immagine anteprima YouTube

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Nessun commento Commenta

Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Ci vuole davvero una sana dose di autocontrollo da parte mia in questa immensa crisi antropologi
Ftse Mib: apre in gap up l'indicie italiano che riprende di mira i 22.500 punti, primo livello di re
Il governo Monti ( 2011/12) e in una breve parentesi il governo Letta (aprile 2013/febbraio 2014), h
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Concerti segreti, mostre di artisti emergenti, presentazioni di libri e chef, pranzi e cene con sc
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Mera statistica. Prendiamo la somma di azionario e obbligazioni corporate, rapportate al PIL.
Ftse Mib: le tensioni tra USA e CINA sono entrate in una spirale negativa di botta e risposta che no
  Il protezionismo torna ad essere l’assoluto protagonista del momento. Il timore di nuovi