Mercati: settimana di conferme per gli indici. Ftse Mib alle prese con area 23.000 punti

Mercati: cala la volatilitò sui mercati internazionali con Vix e Vstoxx sotto 20 punti. Elemento di stabilizzazione importante ma è ancora presto per capire se siamo in una fase di quiete prima della temepesta o di ripresa dei corsi al rialzo.

Ftse Mib: apre sostanzialmente stabile l’indice italiano che settimana scorsa si è allontanato dal pericoloso supporto statico dei 23.000 punti. Fondamentale per la stabilizzazione del quadro tecnico del Ftse Mib il superamento della fascia di prezzo dei 23.000 punti.

S&P500: positivo per il listino americano il ritorno sopra la trend line rialzista di lungo periodo. L’indice però venerdì ha chiuso con uno shooting star, pattern candlestick che denota incertezza e spesso porta a rotracciamenti o inversioni. Da verificare dunque la chiusura di oggi che, se dovesse essere sotto l’apertura di venerdì, potrebbe portare a nuova fase di debolezza.

Immagine anteprima YouTube

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Nessun commento Commenta

Ftse Mib: chiuso definitivamente ieri il gap down lasciato aperto il 10 agosto, gli operatori attend
Occhio al "dopo" rialzo FED, al tasso inflazione, ma anche alla fiducia dei consumatori, al Dot Pl
Sommerso dalla discussione e dalle proposte di modifiche della legge Fornero, il welfare aziendale e
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
In questi giorni abbiamo sentito di tutto e di più sulla manovra finanziaria, giornalisti dispe
Partenza brillante per Piazza Affari che si mette in evidenza rispetto alle altre Borse europee. Il
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Si aspetta la FED anche se al momento nulla cambia. Che sia portatrice di volatilità? Forse si ma
Il tema del debito è stato discusso su queste pagine non so quante volte. E ripartire dall’in