Ftse Mib: importante oggi la conferma della rottura a 23.184 punti. STM prende di mira area 20 euro

Scritto il alle 10:27 da redazione [email protected]

Ftse Mib: l’indice italiano ieri ha dato un segnale importante chiudendo e superando al rialzo il gap down lasciato aperto il 5 febbraio. Importante una chiusura oggi sopra quella di ieri o comunque al di sopra di 23.184 punti. In tal caso prime resistenze a 23.622 e 24.000. Sotto 23.000 punti supporti a 22.722 e 22.500 punti.

Telecom: il titolo della Tlc ha sviluppato una flag andata praticamente a target. Ora i prezzi gravitano sopra il supporto importante di 0,85, la cui tenuta per raggiungere 0,9 euro è fondamentale.

STM: prosegue al rialzo il titolo STM prendendo di mira la parte superiore del canale discendente cominciato dal massimo del 7 novembre. I corsi ormai puntano area 20 euro dove si colloca la parte superiore del canale.

Immagine anteprima YouTube

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 8.0/10 (1 vote cast)
Ftse Mib: importante oggi la conferma della rottura a 23.184 punti. STM prende di mira area 20 euro, 8.0 out of 10 based on 1 rating
Tags: , ,   |
Nessun commento Commenta

Ci vuole davvero una sana dose di autocontrollo da parte mia in questa immensa crisi antropologi
Ftse Mib: apre in gap up l'indicie italiano che riprende di mira i 22.500 punti, primo livello di re
Il governo Monti ( 2011/12) e in una breve parentesi il governo Letta (aprile 2013/febbraio 2014), h
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Concerti segreti, mostre di artisti emergenti, presentazioni di libri e chef, pranzi e cene con sc
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Mera statistica. Prendiamo la somma di azionario e obbligazioni corporate, rapportate al PIL.
Ftse Mib: le tensioni tra USA e CINA sono entrate in una spirale negativa di botta e risposta che no
  Il protezionismo torna ad essere l’assoluto protagonista del momento. Il timore di nuovi
Già ieri vi avevamo anticipato l'escalation in corso sulla guerra commerciale con i nuovi dazi