Nasdaq 100 ha completato test supporto chiave a 5.600 punti. Banco Bpm, necessaria chiusura sopra 3 euro

Scritto il alle 10:10 da redazione [email protected]

Il mercato italiano termina oggi la settimana e il mese di giugno, trascorso all’insegna dell’impasse operativo con le quotazioni all’interno di un ampio trading range costituito inferiormente dai supporti a 20.570 punti e superiormente dalle resistenze a 21.200 punti.

Focus sulle banche che potrebbero trovare nuova linfa dal’approvazione del piano di ristrutturazione Mps da parte delle autorità europee. Quadro tecnico tonico per Banco Bpm che nel corso della settimana si è lasciato alle spalle le ex resistenze statiche a quota 2,88 euro ed ora potrebbe esser pronto al decisivo attacco alla soglia psicologica collocata a 3 euro. Necessaria una chiusura sopra questo livello per confermare il momentum di forza del titolo.

Oltreoceano il settore tecnologico continua a catalizzare l’attenzione degli operatori. L’indice NASDAQ 100 ha completato ieri il test dei supporti statici a 5.600 punti, e dopo aver scaricato le pressioni in vendita potrebbe esser pronto per ripartire. In tal senso una prima di forza arriverebbe con il ritorno sopra i 5.640 punti con proiezioni teoriche sino al target a 5.800 punti e stop sotto i minimi di maggio a 5.568 punti.

Nessun commento Commenta

Analisi Tecnica **** AVVISO **** A causa di aggiornameti della piattaforma di trading di IWBAN
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
Battleplan cicli dei MAX sul FTSE MIB Future settimana 3 - 7 Ottobre 2022
Battleplan cicli dei MIN sul FTSE MIB Future settimana 3 - 7 Ottobre 2022
GRAFICI VELOCITA' CICLICHE dal T-2 (2 giorni) al T+6 (2 anni) settimana 3
Il terzo trimestre del 2022 è stato uno dei peggiori a memoria di trader. Il mercato unidirezionale
Ftse Mib. Continua a dominare la negatività sul nostro Ftse Mib che nelle ultime 3 settimane ha per
Probabilmente in pochi se lo ricordano ma nel settembre del 2019 il mercato monetario americano
Ormai diventa difficile fare previsioni e allora proviamo a ragionare guardando il grafico forse
La domanda che tutti si fanno e alla quale nessuno sa rispondere. Ma dopo gli ultimi storni, è