Ftse Mib: confermata rottura 22.597 punti in apertura, nel mirino il supporto dinamico di medio termine

Il Ftse Mib apre la seduta odierna al ribasso confermando la rottura del supporto statico a 22.957 punti, andando a prendere così di mira il supporto dinamico costituito dalla trend line dinamica su cui poggia il canale ascendente descritto congiungendo i minimi del 30 giugno e 29 agosto.

Divergente l’apertura del Dax che oggi tenta il rimbalzo dopo aver raggiunto i supporti statici a 13.133 punti, chiudendo di fatto ambo i gap up del 1 novembre e del 27 ottobre. Importante dunque la conferma in seduta dello spunto rialzista con primo target area 13.200 punti. In caso di rottura del su citato supporto il primo sostegno di natura psicologica sarà in area 13.000 punti.

Indicazione simile anche per l’Eurostoxx 50 che ha aperto sotto i 3.600 punti. Importante per il listino europeo la tenuta di quest’area per un eventuale rimbalzo. In caso contrario primo approdo ribassista stimato in area 3.555 punti.

Immagine anteprima YouTube

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Nessun commento Commenta

Ftse Mib: l’indice italiano è andato a testare nuovamente la trend line rialzista di breve period
Come da manuale ora abbiamo in un colpo solo tutto quello che l'antibiblioteca di Eco suggeriva,
"L’anno bellissimo"  preconizzato dal presidente del Consiglio n. 1 ( Preconizzare = annunciare s
Il Fomc doveva scorrere via liscio senza particolari novità. Ed in effetti non sono successe de
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
E’ meglio comprare un’auto nuova o noleggiarla a lungo termine è la domanda che si è posta Alt
Ftse Mib: l’indice italiano è andato a testare nuovamente la trend line rialzista di breve period
Non potevo trovare migliore vigneta per sintetizzare la riunione del FOMC della Federal Reserve
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib: apre debole l'indice italiano in attesa della Fed. Gli operatori attendono il meeting Fed