FTSE Mib al test dei supporti a 22860 punti. L’Eurostoxx si muove verso i minimi del 2 gennaio 2018

Umore nero sui mercati europei questa mattina. I principali indici azionari del Continente hanno aperto in gap ribassista rispetto alla chiusura di venerdì, segnalando che la debolezza mostrata in chiusura della scorsa ottava non ha ancora esacerbato tutto il suo potenziale.

FTSEMIB. L’indice italiano si è portato sotto 23mila punti andando al test del supporto statico a 22.860 punti. L’oscillatore RSI ha incrociato al ribasso quota 50 senza raggiungere il valore di ipervenduto, segnalando che vi potrebbero essere ancora spazi per muoversi verso il basso.

Eurostoxx 50. L’indice ha rotto i supporti a 3.500 punti e si sta muovendo verso i minimi del 2 gennaio scorso. Sotto questi livelli diventa più concreta la possibilità di raggiungere quota 3.400 punti entro tempi stretti.

DAX. Quadro tecnico negativo per il mercato tedesco, che questa mattina si sta muovendo ancora sotto i 12.847 punti. Si potrebbero presentare possibilità di recupero della tendenza a contatto con quota 12.615 punti, per un movimento finalizzato a testare il cambio di stato dell’ex supporto a 12.847 punti.

Immagine anteprima YouTube

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Nessun commento Commenta

Riprendendo una vecchia canzone di Vasco Rossi, non sono certo i nuovi massimi che fanno paura ai
Questa sera alle 16.00 si svolgerà il webinar UniCredit con ospite Stefano Fanton, trader profes
Velostazione, corsi a distanza e un master interno sono le ultime attività che Eni sta sviluppando
Conoscere i principi della finanza e delle pensioni è meglio che ignorarli, detta così sembra una
Torniamo ancora una volta sulla questione dei siti dove trovare informazioni inerenti le criptov
Oplà, ti pareva che qualcuno, in particolare quelli della CNBC, non facessero uscire la notizia
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Mercato azionario: titoli value e momentum a confronto I dati macroeconomici continuano ad uscire
Le rimodulazioni tariffarie sono ormai una consuetudine tra gli operatori di telefonia mobile (e fis
Ftse Mib: dopo una breve fase laterale, il 4 novembre l’indice italiano ha rotto in gap up il liv