Ftse Mib: si apre settimana importante per l’indice. S&P 500, prosegue verso 3.000 punti

Ftse Mib: l’indice italiano entra in una settimana molto importante e delicata visto la presentazione del DEF, da parte del Governo. Questo il market mover più importante per noi nella settimana, anche se non si può non considerare il meeting FED di mercoledì sera, mentre la bilaterale USA-Cina sembra essere saltata. In tale scenario possibile assistere ad un po’ di volatilità con ritorni verso 21.000 punti, in attesa del Documento di Economia e Finanza. Eventuali beak al rialzo dei 21.634 punti sarebbero positivi, con l’indice proiettato verso i 22.000 punti.

S&P 500: l’indice americano mostra ancora forza e procede verso la parte alta del canale rialzista che accompagna i prezzi da aprile di ques’anno. L’eventuale break di tale livello aprirebbe le porte verso i 3.000 punti. Al ribasso invece, l’eventuale break dei 2.872 punti riporterebbe verso la parte bassa del canale e 2.800 punti.

Immagine anteprima YouTube

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Nessun commento Commenta

FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Non dilunghiamoci sul ruolo che i titoli tech hanno avuto su questo rally di borsa. E come avret
Non dilunghiamoci sul ruolo che i titoli tech hanno avuto su questo rally di borsa. E come avret
Qualche giorno fa l’amico Marco ci ha parlato di una nuova asset class, perché di questo si t
Mentre gli americani festeggiano il loro giorno del Ringraziamento, aiutati dagli psicopatici ch
Tabella di analisi delle società quotate su Borsa Italiana con dividendi, debito, price earning e p
Eccoci qui per un veloce aggiornamento su uno dei titoli long che in molti abbiamo in portafoglio ov
Aggiornamento dei posizionamenti monetari. Sulle mibo prosegue il continuo aumento di posizioni p
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
L’interesse nei confronti della Cina è molto alto. È stato il primo a ripartire dalla crisi