Ftse Mib: avvio poco mosso. Facebook ben impostato per puntare ai 188 dollari

Scritto il alle 10:23 da redazione [email protected]

Ftse Mib: l’indice italiano è riuscito a superare il ritracciamento di Fibonacci del 38,2% a 20.471 punti di tutto l’uptrend avviato a dicembre 2018. Il prossimo obiettivo di breve sono i 20.700 punti. Con il break di tale livello, il Ftse Mib avrebbe tutte le carte in regola per spingersi fino ai 21.000 punti. Al ribasso invece, fondamentale sarà la tenuta della fascia di prezzo compresa tra 20.236 punti e la media mobile 200 periodi.

Facebook: dopo aver fallito il break dei 200 dollari lo scorso aprile, il titolo ha iniziato a scendere fino a ripiombare sulla media mobile 200 periodi. Dal 4 di giugno è iniziato poi un graduale recupero che riportato Facebook sopra quota 177 dollari. In tale scenario, al rialzo, con il superamento dei 188 dollari, il titolo potrebbe mettere nel mirino i successivi target a 200 e 218 dollari. Al ribasso, invece, importante sarà la tenuta del supporto statico collocato a 160 dollari.

Immagine anteprima YouTube

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Nessun commento Commenta

FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Anche se arriva una tregua apparente sulla tematica "trade war" il mercato non si fida. Gli oper
Le truffe su internet sono dietro l'angolo per cercare di estorcere denaro o rubare i dati perso
Guest post: Trading Room #335. La settimana appena trascorsa si è conclusa meglio di quanto si po
Mercati: gli indici internazionali hanno reagito positivamente alla notizia della tregue tra USA e C
Sembra che gli Stati Uniti vogliano attenuare la loro guerra commerciale sui dazi con la Cina. A que
Fantastico, meraviglioso, entusiasmante accordo nel fine settimana tra i cinesi e gli americani,
ORE 7.30 L'importante escursione dei prezzi avvenuta nella giornata di venerdì ha ribaltato di fat
Analisi Tecnica Eccoci ancora qui col "tira e molla" sui dazi ... USA - Cina Ora vanno di nuovo
Ormai è cosa nota. A novembre ricomincia la “festa” del QE Europeo. Tornano quindi gli acqu