Ftse Mib mette nel mirino i 16.000 punti. Ubi Banca sfida la resistenza a 2,43 euro

Scritto il alle 10:21 da redazione [email protected]

Ftse Mib. L’indice italiano accorcia le distanze dai 16.000 punti. Solo però con il superamento dei 16.500 punti si avrebbe un chiaro segnale rialzista. Al ribasso, invece, il supporto chiave è quello in area 15.000 punti.

Ubi Banca. Il titolo cerca di allontanarsi dal supporto a 2,25 euro. C’è da dire che dai massimi di febbraio a 4,51 euro grazie all’Ops lanciata da Intesa Sanpaolo il titolo ha praticamente dimezzato il proprio valore. Solo il break dei 2,43 euro potrebbe aprire la strada a Ubi Banca verso un livello di resistenza molto forte.

Banco Bpm. Il titolo cerca di risollevarsi dai minimi storici di 1,10 euro toccati di recente. Il tentativo di rimbalzo ha portato il titolo di nuovo sopra quota 1,3 euro, anche se sarà necessario il superamento di 1,40 euro per dare forza al movimento ascendente.

Immagine anteprima YouTube

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 8.0/10 (1 vote cast)
Ftse Mib mette nel mirino i 16.000 punti. Ubi Banca sfida la resistenza a 2,43 euro, 8.0 out of 10 based on 1 rating
Nessun commento Commenta

FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Evvai! Tutti felici e contenti con il Next Generation EU, in primis il nostro premier Giuseppe C
Ftse Mib: prosegue la fase di distensione dei mercati in scia anche alla proposta della Commissione
Questo indicatore è stato creato per monitorare l’andamento del ciclo economico e “predire
Ebbene si, alla fine la montagna ha partorito il topolino del recovery fund,  eccezionale, inc
Tutti i sottostanti equity nella giornata di ieri hanno rotto al rialzo la parte superiore dell'area
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
  La ripresa nei mercati azionari globali da fine marzo è stata notevole. Alla chiusura
Qualcuno in questi giorni nel corso delle consulenze, sorrideva all'idea che Trump potrebbe perd
Ftse Mib. L’indice italiano si trova a pochi passi dall’area di resistenza importante tra 18.000