Ftse Mib fiacco dopo decisione di Trump. Su Leonardo e Sapeim prevale trend ribassista

Scritto il alle 10:11 da redazione [email protected]

Ftse Mib. L’indice ha confermato il break del livello statico a 19.174 punti e ora può mettere nel mirino 19.818 punti, il 50% di Fibonacci. Al ribasso, invece, il break dei 18.481 punti potrebbe generare debolezza.

Leonardo. Il titolo si trova in una situazione critica dal punto di vista grafico, nonostante il titolo abbia superato con elevata volatilità il livello chiave dei 5 euro, dando un primo segnale di ripresa. Sarà necessario proseguire il rimbalzo almeno fino al superamento dei 5,6 euro per avere un chiaro segnale di forza in questa direzione.

Saipem. Quadro grafico improntato al ribasso per il titolo, anche se nelle ultime sedute si è visto un tentativo di rimbalzo dai minimi annuali. Il titolo è così tornato sopra il livello statico di breve di 1,53 euro, anche se per confermare la forza del movimento si dovrà attendere almeno il break di 1,77 euro.

Immagine anteprima YouTube

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Nessun commento Commenta

FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Non dilunghiamoci sul ruolo che i titoli tech hanno avuto su questo rally di borsa. E come avret
Non dilunghiamoci sul ruolo che i titoli tech hanno avuto su questo rally di borsa. E come avret
Qualche giorno fa l’amico Marco ci ha parlato di una nuova asset class, perché di questo si t
Mentre gli americani festeggiano il loro giorno del Ringraziamento, aiutati dagli psicopatici ch
Tabella di analisi delle società quotate su Borsa Italiana con dividendi, debito, price earning e p
Eccoci qui per un veloce aggiornamento su uno dei titoli long che in molti abbiamo in portafoglio ov
Aggiornamento dei posizionamenti monetari. Sulle mibo prosegue il continuo aumento di posizioni p
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
L’interesse nei confronti della Cina è molto alto. È stato il primo a ripartire dalla crisi